PARROCCHIA REGINA MUNDI - TORVAIANICA ALTA

STORIA

La nascita della Parrocchia è di difficile datazione. Il primo documento ufficiale, del 5 Febbraio 1988, è quello della Curia Vescovile di Albano Laziale (Roma), al quale è allegato l’atto notarile della donazione da parte della Duchessa di Varano, di un terreno di cinquemila metri quadrati, per erigere la futura chiesa parrocchiale, denominata Regina Mundi.

Per chi volesse saperne di più, e' possibile acquistare presso la nostra segreteria il libro:

"TRA GIOIE E DOLORI " di Vito Fundarò.



INTERNO CHIESA1

erall and weed erowid

adderall and weed

VISITA PASTORALE DI S.E. MARCELLO SEMERARO,VESCOVO - 24, 25 e 26 MAGGIO 2013 

La Visita pastorale di monsignor Marcello Semeraro nella Parrocchia Regina Mundi, a Torvaianica Alta, è iniziata nel pomeriggio di venerdì 24 maggio con l'incontro con il Consiglio pastorale parrocchiale e il Consiglio parrocchiale per gli affari economici, guidati dal parroco don Giorgio Do Amor Divino, che ha accolto il vescovo con un «Benvenuto a casa, padre». I rappresentanti dei consigli erano tesi ed emozionati, anche per la presenza di un convisitatore "speciale": padre Giuseppe Zane, primo parroco della Parrocchia fondata da lui stesso l'8 dicembre 1994 nel garage della signora Antonietta Tammone, presente all'incontro.
 
La Parrocchia e l'azione nel territorio
Al vescovo e ai convisitatori è stata illustrata la realtà del territorio e della Parrocchia, che, a detta dello stesso padre Zane, ha avviato un processo di rinnovamento, non tanto nelle strutture – rimaste le stesse, carenti dal 2003 – ma nella formazione, organizzazione e aggregazione. Alla base c'è una grande capacità di accoglienza e una "esplosione di potenzialità", probabilmente stimolata dal modo di fare del nostro parroco brasiliano. Il vescovo ha quindi invitato la comunità a guardare al futuro con speranza, esortandola a tendere verso una Parrocchia che guarda e "si attrezza" per il domani, che si fa carico dei bisogni del territorio, consapevole delle sue potenzialità e unendo le forze con le altre parrocchie. Quindi, è stata la volta della visita presso il Comitato di Quartiere di Campo Jemini, dove la domenica il parroco celebra una messa per venire incontro alle persone anziane che hanno difficoltà a raggiungere la chiesa parrocchiale. Tornati in chiesa, il corposo e attivo coro parrocchiale ha preparato un piccolo spettacolo, riproponendo alcune canzoni del repertorio del concerto dello scorso Natale. Il vescovo e i convisitatori hanno visibilmente apprezzato l'esibizione, ricordando le parole di Sant'Agostino "Chi canta, prega due volte".
 
L'incontro coi i bambini e con i ragazzi
Nel pomeriggio di sabato 25 maggio, nonostante una pioggerellina fine e un fastidioso vento freddo, all'incontro con il vescovo c'è stata grandissima partecipazione dei bambini della catechesi, dei loro genitori e dei catechisti. In un piacevole clima informale è stato illustrato il cammino di catechesi, le responsabilità e i progetti. Monsignor Semeraro, ringraziando i genitori, ha detto: «Grazie perché avete fiducia nel consegnarci i vostri bambini, perché avete fiducia nella comunità parrocchiale. Il nostro compito e quello dei catechisti, è quello di metterci con umiltà accanto a voi». Poi, rivolgendosi ai bambini, ha aggiunto: «Voi siete una speranza vivente. Il mio desiderio è che possiate trovare adulti che vi siano di esempio e di incoraggiamento. Voi siete nati per andare ed abitare il mondo, accompagnati da adulti "maestri di vita"». Intorno alle ore 18,30 il vescovo ha celebrato la Confermazione di 15 cresimandi, 7 adulti e 8 adolescenti, in una chiesa gremita.
 
La festa più bella: l'Eucaristia
A seguire, si è svolto l'incontro con i gruppi parrocchiali, ministri straordinari della comunione, donne in preghiera, comunità Gesù risorto, gruppo liturgia, gruppo comunicazione, coro, collaboratori servizi e pulizie, ai quali il vescovo ha ricordato il motto di san Benedetto ora et labora, che non deve indicare una distribuzione dei compiti, ma un aspetto dell'unità. In ciascuno le attività dello spirito e del corpo devono essere unificate, come pure nella Parrocchia. E ha concluso dicendo: «Domani celebreremo il momento più bello. Il vescovo con la comunità si fanno visitare dal Signore!». Per la celebrazione eucaristica conclusiva di domenica 26 maggio, il Signore ha regalato un cielo sereno e un debole sole. Al termine della celebrazione, consegnando la casula utilizzata nella Messa, monsignor Semeraro ha scherzato, ricordando che il parroco è stato scelto e mandato appositamente a Torvaianica Alta, poiché è alto più di 2 metri. Per tutta la comunità della Parrocchia Regina Mundi la visita pastorale è stata una splendida occasione per vivere la sinodalità, ha spalancato i recinti della Parrocchia, facendo assaporare la gioia di sentirsi "uno" nel nome di Cristo.


VISITA VESCOVO


aggiornato il 21 novembre 2019 ore 13,00 Al momento dell'azzeramento il contatore segnava 40.500 visite | privacy policy